Ti trovi qui: Agevolazioni
Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Detrazioni del 50% per ristrutturazioni e bonus mobili 

la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate alle agevolazioni fiscali

"Il Decreto Legge 4 giugno 2013, n. 63 (V. articolo “Attestato di Prestazione Energetica, detrazioni fiscali del 65%, bonus mobili... Entra in vigore il Decreto Legge 63/2013”) ha prorogato fino al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale del 50% sulle ristrutturazioni edilizie, introducendo la possibilità di detrarre dall’Irpef anche le spese sostenute per l’acquisto di mobili per l’unità ristrutturata, con un importo massimo di 10.000 euro."

La proroga, inoltre, ha confermato anche il tetto massimo di spesa di 96.000 euro e la ripartizione in dieci rate annuali.

Alla luce di queste e di altre novità, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la nuova guida alle agevolazioni fiscali legate alla ristrutturazione.

Il documento fornisce tutte le indicazioni per accedere correttamente al beneficio fiscale, illustrando modalità e adempimenti.

Gli argomenti trattati dalla guida delle Entrate riguardano:

  • i principali tipi di interventi ammessi alla detrazione IRPEF
  • le condizioni per fruire delle agevolazioni
  • l’acquisto del box: quando spetta l’agevolazione
  • la cumulabilità con la detrazione IRPEF per il risparmio energetico
  • l’IVA agevolata per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione
  • la detrazione IRPEF per gli acquirenti e gli assegnatari di immobili ristrutturati
  • le condizioni richieste per fruire dell’agevolazione
  • la detrazione IRPEF del 19% degli interessi passivi sui mutui

Se non interverranno ulteriori proroghe, dal primo gennaio 2014 la detrazione del 50% tornerà alla misura ordinaria pari al  36% delle spese sostenute, con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.